“40 anni di lotte e di conquiste della Feneal UIL” a cura di Camillo Benevento

2m13 settembre 1963 Dopo la rottura per le trattative del contratto nazionale di lavoro,a Roma, Firenze e Bologna, il 90 per cento dei lavoratori edili scioperano in massa per far valere gli adeguamenti salariali del contratto.

5m

[…]Alle agitazioni , dilagate nelle provincie per gli adeguamenti salariali del contratto, seguirono per tutto il ’63, massicce azioni di lotta che ebbero nel maggio il loro “clou” in una grande manifestazione svoltasi a Roma contro la minacciata sospensione (a partire dal 1 maggio) da parte dell’ACER (l’associazione degli industriali edili e dei costruttori della Capitale) della erogazione ai lavoratori dei cantieri edili della indennità congiunturale, che era pari al 15 per cento del salario tabellare, e che avrebbe portato a riduzioni di 6.600-9.000 lire alle retribuzioni.

3mFu quella di Roma quasi una “prova generale” (80 mila lavoratori in piazza) che valsa far recedere i costruttori dai loro intendimenti e preparò il grandioso sciopero generale proclamato nel luglio, in tutta Italia, come risposta al rifiuto opposto dagli industriali dell’ANCE a dare avvio alle trattative per il rinnovo del contratto di lavoro dell’edilizia,  disdetto il mese prima (giugno ’63) dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori, subito dopo che i cementieri avevano a loro volta rinnovato il contratto.   Un contratto quest’ultimo che aveva introdotto un’importante innovazione, il premio annuale che poteva prefigurarsi come una vera e propria tappa intermedia verso la istituzione della 14° mensilità.    Al 15 per cento di  aumenti salariali ottenuti dal nuovo contratto, i lavoratori cementieri poterono aggiungere miglioramenti negli scatti di anzianità e la possibilità di poter contrattare al livello aziendale il premio di produzione.   La regolamentazione in 5 categorie delle qualifiche consentiva di fatto la parità salariale uomo-donna, e dava modo a molti lavoratori di compiere un balzo in avanti in categorie superiori.

7mSe i cementieri avevano potuto “chiedere” il loro contratto a condizioni così favorevoli, questo non era accaduto per una graziosa concessione dei datori di lavoro ma per obiettive condizioni economiche e produttive del settore, condizioni che avevano consentito alle organizzazioni sindacali dei lavoratori di giocare allo scoperto tutte le loro carte.

6mAppariva pertanto assai poco giustificata, alla luce di questi precedenti, la resistenza dei costruttori (e dell’ANCE, che li rappresentava) all’apertura delle trattative per il rinnovo del nuovo contratto dell’industria edile, i cui settori non erano a loro volta secondi a nessuno quanto a redditività.   Un calcolo abbastanza vicino alla realtà, faceva ammontare i guadagni dei costruttori nel 1962 ad oltre 538 miliardi, cifra elevatissima, all’epoca, e tanto più rilevante in quanto ottenuta senza che si fossero verificati nel settore apprezzabili incrementi all’occupazione.[…]pp.53

Disponibile presso la BIBLIOTECA NAZIONALE UIL ARTURO CHIARI

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.