“Le RSU in tasca – Guida alle elezioni delle rappresentanze sindacali unitarie nel pubblico impiego” a cura di Marco Biagiotti, Gianni De Nichilo, Santino Gattuso

[…] La necessità di avere una valida rappresentanza dei lavoratori all’interno dell’azienda è sostanzialmente coeva alla nascita del movimento sindacale. Dopo un inizio in cui prevalse lo spontaneismo, nacquero i primi accordi, all’inizio del secolo scorso, per regolamentarne struttura e funzioni. Il primo accordo fu quello del 1906, nel settore metalmeccanico, tra FIOM e Itala che introdusse nell’azienda la prima “Commissione interna”. Questo modello, tra alti e bassi, durerà, tranne la pausa del ventennio fascista, fino alla fine degli anni sessanta.
Pur deboli dal punto di vista contrattuale, le commissioni interne avevano il grande merito di essere legittimate dal voto dei lavoratori.
L’autunno caldo e le lotte operaie a cavallo degli anni sessanta e settanta diedero un colpo mortale a questo strumento di rappresentanza e ad esso furono contrapposti i “Consigli di fabbrica e i Delegati” che, dopo una prima fase di caratterizzazione contro i sindacati confederali, rientrarono rapidamente nell’alveo sindacale. La loro vita fu breve e ciò avvenne perché tali organismi per operare avevano necessariamente bisogno dell’elemento unitario fra CGIL, CISL e UIL.
L’unità raggiunta negli anni settanta, venne meno nel corso degli anni successivi, determinando la fine di queste strutture di rappresentanza. Nello stesso periodo lo Statuto dei lavoratori previde, nell’art. 19, un modello di rappresentanza, la “Rappresentanza Sindacale Aziendale”, che pure a tutt’oggi possibile, nel corso dei decenni non si è mai radicata diffusamente nei posti di lavoro. Di fronte a questi precedenti non entusiasmanti CGIL, CSIL, UIL elaborarono un nuovo modello in grado di essere adeguato ai tempi e alle esigenze di relazioni industriali non più basate esclusivamente sui rapporti di forza ma sul confronto a tutto campo tra le parti: le “Rappresentanze Sindacali Unitarie”.[…]

Tratto dal libro “Le RSU in tasca – Guida alle elezioni delle rappresentanze sindacali unitarie nel pubblico impiego” a cura di Marco Biagiotti, Gianni De Nichilo, Santino Gattuso

Disponibile presso la Biblioteca Nazionale UIL Arturo Chiari

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.